Per "Cazzotto", terza manifestazione della serie d'arte diffusa ideata e curata da Simona Frillici e Giassi Piacentini che si è tenuta a Perugia nel 2019, avevo progettato una installazione. Il direttore della Galleria Nazionale dell'Umbria non mi ha permesso di realizzare il mio progetto, che interessava le due sculture antiche del Grifo e del Leone che sono all'interno dell'atrio del Palazzo dei Priori dicendo, così mi è stato riferito, che era irrispettoso. Credo che le critiche all'opera sarebbero state tutte per me, e non per chi mi avesse permesso di realizzarla. Di seguito il testo che avevo mandato al direttore.§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§ Salon des refusés (parte seconda) Il Grifo e il Leone, simboli di Perugia, verranno coperti dalle Emergency Blanket, le leggerissime coperte termiche usate in casi di emergenza, dal colore dorato, lasciando in vista alcune parti, come ad esempio le teste. L’atto di protezione che si viene così a creare nei confronti delle due sculture, se pur richiamando l’usanza come appare in documenti del 1276-77 in cui si descrive che venivano portate in processione assieme al corpo del santo patrono coperte da ricchi drappi, vuole richiamare l’attenzione sulla necessità di valorizzare e proteggere quei simboli, per valorizzare e proteggere, in traslato, tutta l’arte, non solo perugina, ma umbra e per estensione, universale. Occorre anche pensare che ciò che allora fu scelto come simbolo di Perugia, sono due fiere, di cui una mitica, provenienti da altri luoghi e da altre culture, che hanno dato vita a quella commistione da cui deriviamo noi oggi come popolo e tradizione. Proteggere quei simboli significa proteggere noi e, per estensione, quei popoli che sbarcano oggi sulle nostre coste, provenienti da luoghi devastati da guerre e carestie. La contaminazione culturale è il seme da cui nascerà in futuro una nuova tradizione, che una città come Perugia, che ha una Università dedicata agli stranieri, ha da sempre nel suo DNA.§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§ Oggi la farei usando le due copie che sono sulla facciata del palazzo

 Login